Dinosauri viventi

Chi passa davanti alla Fiera del Levante in questi giorni, noterà di sicuro uno sciame colorato di bimbi all’ingresso di Via Giuseppe Verdi. Forse alcuni di loro portano con sè dinosauri giocatolo di plastica o di stoffa o saranno chinati su un libro, come i nostri bambini la scorsa domenica, comportandosi come secchioni di paleontologia.

Cosa è successo?

Molto semplice: i dinosauri sono ritornati.

Per milioni di anni questi giganti della preistoria sono stati trovati principalmente come fossili o “sotto forma” di impronte in Puglia, dal 22 ottobre, invece, ruggiscono cosi forte nel padiglione 20 della fiera, che è addirittura molto difficile riuscire a sentire le urla gioiose o spaventate delle orde di bambini che corrono nella penombra tra le zampe degli amati rettili.

Con la sua mostra “Living Dinosaurs” l’azienda sudamericana Aurea Exebitions ha raccolto qui la crème della crème del mondo dei dinosauri: dal terribile Tirannosauro Rex al placido ma enorme Triceratopo, dal maestoso Branchiosauro agli agili rapaci fino agli pterosauri che battono le ali. Con un mastodonte, un cervo gigante (Megalocero) e una tigre dai denti a sciabola, in questa mostra si possono trovare anche alcuni adolescenti della preistoria.

Tutti gli animali muovono la testa, la coda o altre parti del corpo e suscitando sempre più la curiosità dei visitatori. Nel frattempo si sentono suoni di dinosauro raccapriccianti dagli altoparlanti. Naturalmente, anche la didattica non viene trascurata. Piccoli pannelli informativi chiariscono nomi, date e mostrano alcuni fatti come dimensioni e specie. Inoltre, il significato del nome viene spiegato in italiano. Grandi pannelli informativi colorati e illuminati spiegano fatti interessanti sull’epoca – purtroppo solo in spagnolo e inglese. Il fatto che non sia stata prodotta una versione italiano-inglese mi ha sorpresa in quanto questa mostra potrebbe facilmente girare in tutta Italia.

I piccoli paleontologi hanno a disposizione un tavolo alla fine della mostra dove alcuni fossili possono essere scoperti con dei pennelli. Ci sono anche tavoli con penne e disegni da colorare.

Cosi il nostro gruppo di 7 famiglie con un totale di 11 bambini si è divertito per oltre un’ora. Un’amica di Davide voleva vedere il film in 3D-realtà virtuale ma dopo pochissimo tempo si è strappata via la visiera perché per bambini di 6 anni un dinosauro che ti attacca è forse un po‘ troppo. I bambini più grandi si divertirebbero sicuramente di più.

Dieses Bild hat ein leeres alt-Attribut; sein Dateiname ist carnotaurus.jpg.

La visita alla mostra è ancora possibile fino al 15 gennaio e si accede con mascherina (e Green Pass o risultato negativo di un test COVID per gli adulti). I biglietti al botteghino costano 10,00 Euro per gli adulti e 6,00 Euro per i bambini. Il visore per la realtà virtuale di paga a parte (3,00 Euro).

Bisogno di più dinosauri in Puglia?

BOSCOSAURO, SS 96 – km 93,500 Contrada Censo, 70022 – Altamura – BA; bambini da 5 anni 6,00 Euro, adulti 8,00 Euro, https://www.boscosauro.it

PARCO DEI DINOSAURI, Via Conversano 159, Castellana Grotte, Tel.: 080 4961410, www.ilparcodeidinosauri.it